Perdita di peso dalla demenza, Aumento o perdita di peso aumenta rischio di demenza in anziani secondo studio


perdere peso omnilife

Si stima che in Italia vivano circa Da quando Alois Alzheimer nel descrisse un "slowing progressive decrease in body weight" nel suo primo paziente, numerosi studi hanno confermato, in un'ampia sottopopolazione di pazienti, un Calo Ponderale Non Intenzionale CPNI e uno stato di malnutrizione [2, 3, 4], con conseguente modificazione della composizione corporea [5, 6].

Gli aspetti della malnutrizione sono di grande implicazione clinica, dato che il paziente malnutrito sarà fisicamente meno attivo, quindi più prono a sviluppare ulcere da decubito ed infezioni [5, 6].

Annuncio pubblicitario

Il CPNI potrebbe essere la causa in quanto i deficit di micro-macronutrienti sono dimostrati associati a peggior performance cognitiva, anche nei soggetti non dementi. Aspetti tipici della malattia quali il progressivo declino cognitivo, la degenerazione cerebrale, l'atrofia della corteccia temporo-mesiale, l'inadeguato apporto calorico e l'aumentato dispendio energetico, i disturbi metabolici e del comportamento alimentare [8] sarebbero in parte associati al CPNI osservato in questi pazienti [].

Si è stabilito che alcune aree cerebrali quali ipotalamo, talamo, tronco cerebrale, sistema limbico e diverse aree della corteccia sono coinvolte nella regolazione centrale del comportamento alimentare [].

Ulteriori studi hanno suggerito che il sistema nervoso autonomo, alcuni ormoni peptidici e sistemi implicati nella neuro-trasmissione sarebbero coinvolti nel mantenimento dell'equilibrio energetico dell'organismo [14, 15].

evox perdita di peso

Il CPNI si accompagna ad atrofia della massa muscolare, accelerata perdita dell'indipendenza funzionale e rischio aumentato di infezioni e mortalità [16, 17]. Inoltre essendo un indicatore di malnutrizione proteica ed energetica, esso è sempre una grande preoccupazione per il medico clinico in quanto rappresenta un fattore predittivo di mortalità [18].

Demenza senile: le differenze con l’Alzheimer

La Figura 1 mostra le possibili interazioni tra deficit nutrizionali e deficit cognitivi. Tuttavia, dal momento che non si evidenziava una correlazione con l'assunzione di alimenti, né in questi pazienti era più frequente una condizione di malnutrizione, gli Autori concludevano affermando che " allo stato attuale, la causa della perdita di peso nei malati di AD rimane incerta" [21].

Questi possono influenzare il comportamento, l'appetito, il dispendio energetico e quindi condurre ad una riduzione come valutare la perdita di peso peso corporeo [25]. Alternativamente, la perdita di peso potrebbe far parte di una risposta generalizzata dell'organismo allo stress o di una down-regulation dei bisogni energetici associati alla ridotta funzione cerebrale [25].

quanto tempo perdere peso su adderall

Un inadeguato apporto nutrizionale potrebbe, in aggiunta, essere sommato, allo stress e gravare ancora di più nel già debole sistema. Data l'attuale mancanza di trattamenti che possono influenzare il decorso della malattia, una migliore conoscenza dei meccanismi responsabili del CPNI potrebbe essere molto utile [25]. Il CPNI sarebbe dunque una diretta conseguenza della AD, non solo per l'associazione della demenza a disturbi comportamentali e dell'alimentazione, ma anche perché le lesioni cerebrali tipiche della AD coinvolgono le sedi implicate nella perdita di peso dalla demenza dell' assunzione di cibo [26].

Le strutture limbiche presenti nel lobo temporale mediale sono coinvolte nelle funzioni di memoria, appetito, comportamento alimentare e controllo delle emozioni; ognuno di questi aspetti ha un impatto sul peso corporeo [26]. Nei soggetti con AD il volume delle diverse aree cerebrali corticali, ad eccezione della sostanza bianca, è significativamente minore alla norma. Dato che l'atrofia della corteccia temporale mesiale MTC è correlata con il peso corporeo, le funzioni cognitive, l' indice di massa corporea BMI e il Mini Mental State- ma questi ultimi non correlano tra loro- la relazione tra CPNI e atrofia della MTC non sarebbe legata solo al deficit perdita di peso dalla demenza [26].

L'atrofia della MTC potrebbe anche essere evento secondario alla malnutrizione tramite l'ipoglicemia o l'aumento della cortisolemia o ad altri fattori quali l'aumento del Tumor Necrosis Factor perdita di peso dalla demenza la diminuzione degli perdita di peso dalla demenza [26].

La corteccia cingolare anteriore ACC è parte primaria del sistema limbico e lesioni di questa regione dell'encefalo causano mancanza di interesse, diminuzione dell'appetito, apatia e depressione [27, 28]. Inoltre studi recenti di neuro-imaging hanno dimostrato che l'attivazione dell'ACC è coinvolta nelle condizioni di fame [13], percezione olfattoria [29], deglutizione volontaria [30], percezione gustativa [31, 32].

Perdita di peso non volontaria: cause, sintomi e pericoli

Nei soggetti con AD si è evidenziato un ipometabolismo significativo del glucosio nell'ACC ma in nessun altra regione cerebrale [27]. Il rapporto metabolico del glucosio è significativamente associato al BMI indipendentemente da età, sesso e durata della malattia.

I risultati quindi, suggeriscono che l'attività neuronale dell'ACC potrebbe agire come modulatore dello stato nutrizionale [27]. E' stato condotto uno studio i cui risultati hanno mostrato che i soggetti con AD avevano un peso e un BMI più basso rispetto ai controlli [33]. Inoltre il grado di demenza più severo era associato con valori minori dei parametri antropometrici [33].

Gli Autori concludono con l'ipotesi che in tali pazienti ci sia un minor assorbimento corporeo dei nutrienti o un cambiamento metabolico globale che esiterebbe in un CPNI.

Demenza frontotemporale - punto di vista dei pazienti e dei parenti

I cambiamenti ormonali possono influenzare lo stato metabolico e contribuire al CPNI evidenziando aumentati livelli di ormoni adrenocorticali e gonadici tra i pazienti con AD [35]. Infine l'alterato metabolismo energetico nell'encefalo dei pazienti potrebbe verificarsi anche nell'organismo in toto e risultare in un CPNI [36].

Ad uno studio della durata di 20 anni hanno partecipato maschi e femmine [37].

gw- 50 perdita di grasso

Dato che tutti i soggetti erano non istituzionalizzati e quelli con diagnosi di AD erano allo stadio iniziale o intermedio di malattia, questo studio proverebbe che il CPNI è associato alla AD e non è causato da una difficoltà nel nutrirsi o ricordarsi di nutrirsi, fattori che intervengono invece agli stadi finali di malattia [37]. Questo studio fornisce l'evidenza più forte che il CPNI precede la demenza e non è una sua conseguenza.

Era stato notato che nell'ambito dei pazienti istituzionalizzati, quelli con AD erano soggetti ad un CPNI maggiore rispetto ai soggetti con funzione cognitiva conservata [38].

Esperienze e opinioni

E' stato analizzato per 4 anni una coorte di soggetti, di cui 31 con diagnosi di AD che richiedevano cure complete durante l'istituzionalizzazione, 48 che all'inizio non richiedevano cure e 26 soggetti non dementi. Una perdita di peso maggiore di 4. Un dato importante è che dei soggetti, 3 donne hanno sviluppato i loro primi segni di AD dopo essere state istituzionalizzate. Il peso medio di questi tre soggetti era Sempre della stessa ipotesi si avvale uno studio prospettico della durata di 34 anni - [39].

Dai soggetti sottoposti alla sesta e ultima valutazione, sono risultati sani mentre a è stata diagnosticata demenza di cui 74 di tipo AD e a 15 demenza di tipo vascolare [].

Metti alla prova la tua conoscenza

Nel periodo il CPNI era maggiore nei soggetti con demenza rispetto ai soggetti con funzione cognitiva preservata. In uno studio della durata di 9 anni su soggetti anziani, è stata esaminata la relazione tra BMI e perdita di peso dalla demenza di AD [43]. Dopo 5. Il suddetto studio ha esaminato il cambiamento del BMI in un gruppo di soggetti molti anni prima della diagnosi di AD. I tre fattori più importanti per il mantenimento di un buon stato nutrizionale nell'anziano con AD sono: tecniche di nutrizione appropriate, consistenza e orari dei pasti serviti e sfruttamento del tempo di picco cognitivo giornaliero.

Quest'ultimo oscilla di solito dalla mattina fino a metà della giornata, fatto che rende la colazione e il pranzo i il processo xifoideo perde peso più opportuni per ottimizzare l'apporto nutrizionale [7]. Lo stress psicologico dei caregivers potrebbe avere un'importante e drammatica influenza sul decorso della malattia, soprattutto sulla frequenza e sulla gravità dei problemi comportamentali alimentari, arrivando al ragazza obesa perde peso di accentuare il CPNI dei pazienti [7].

Per questo motivo, la valutazione, il management e il trattamento dello stress dei caregivers trattamento individuale, gruppi di supporto, educazione e terapia familiare deve essere considerato aspetto importante e integrale nella cura generale fornita ai pazienti con AD, nell'intento di migliorarne la qualità della vita [7]. I supplementi nutrizionali sono spesso prescritti come intervento per contrastare il CPNI [7].

Riceva aiuto e supporto

La loro efficacia è stata valutata in vari studi [44, 45] con risultati incoraggianti nonostante siano ancora necessarie ulteriori ricerche per stabilirne l'efficacia nei pazienti con AD. Uno studio sull'efficacia della nutrizione supplementare orale ha messo in evidenza aumenti significativi di BMI e massa magra nei pazienti con AD a rischio di malnutrizione rispetto ai controlli [47].

Di certo è che al momento attuale, il CPNI sembra essere inevitabile in quanto strettamente associato alla fisiopatologia della AD. La prevenzione comunque è senza dubbio essenziale. E' importante identificare i pazienti a rischio per valutare il loro stato nutrizionale e correggerlo adeguatamente al fine di prevenire la malnutrizione e le sue complicanze, cercando di interrompere il circolo vizioso tra deficit nutrizionale e deficit cognitivo.

Occorrono infine ulteriori studi longitudinali allo scopo di trovare soluzioni a questo interessante ma ancora, purtroppo, irrisoluto problema.

Fonti e approfondimenti

Alzheimer's Disease International. Global prevalence of dementia: a Delphi consensus study. Lancet ; Nutritional assessment of psychogeriatric patients.

Age Ageing ; Hospital nutrition in geriatric long-stay medicine. Dietary intake, body composition and the effects of experimental studies. Thesis, University of Lund, Sweden Aspects of institutional care of patients with dementia.

The effects of malnutrition on host responses and the metabolic sequelaes of infections.

Introduzione

In: Grieco MH ed, Infections in the abnormal host. Nutrition-immunity-infections in old age. Pergamon Press: An open-ended question: Alzheimer's disease and involuntary weight loss: which comes first? Aging Clin Exp Res The association of weight change in Alzheimer's disease with severity of disease and mortality: a longitudinal analysis. J Am Geriatr Soc ; Low body mass index in demented outpatients. Weight loss and senile dementia in an institutionalized elderly population.

J Am Diet Assoc ; Central neuroanatomical systems involved in the regulation of food intake in birds and mammals.